| CONTATTI |  FOTO   FORUM  | HOME                                         

 

La citta' vista dall'alto

Il Centro Storico

Orte sotteranea

Il Ninfeo

Ex chiesa San Silvestro

Contrada san Biagio

Museo Diocesano

Il Museo all'interno della ex Chiesa San Silvestro

Le colombaie

Contrada Porcini

Il Poggio

Contrada San Sebastiano

 

 

 

 La città di Orte sorge Nell'alto Lazio a circa 134 metri di altidutine nel punto in cui il fiume Nera confluisce con il Tevere a brevissima distanza dall'attuale confine con L'Umbria.Di origine antichissima ( Orte è infatti la" Horta "citata da Plinio),dopo essere stata una delle più importanti Città Etrusche,divenne Municipio Romano nel periodo Imperiale.Dopo il crollo dell'impero Romano d'Occidente,fu di volta in volta possesso di Goti,Bizantini e Longobardi,mentre dal 728 al 1870 fece parte dei domini della Chiesa. Questo grosso borgo,a differenza di molti altri del circondario che dopo l'anno Mille divennero preda e possedimento dei vari Signorotti che li conquistarono con le armi,fu capace di erigersi a comune dandosi sin dall'anno 1200 uno Statuto riconosciuto tra l'altro anche dal Governo della chiesa che lo annesse ai suoi possedimenti.La città di Orte difesa sempre con accanimento dai suoi cittadini,raggiunse quindi il periodo di suo massimo splendore tra il XIII ed il XV secolo.E' proprio questo periodo che si trovano sempre con maggiore frequenza citati i " Bamderari"nei vari documenti o Statuti riportanti gli avvenimenti che caratterizzarono la vita della Città.Il Gruppo "Sbandieratori delle Sette Contrade di Orte" ripropone a distanza di secoli gli antichi giochi della bandiera ai quali partecipavano nel Medioevo i giovani Ortani con i colori delle Sette Contrade Cittadine.Le basi storiche su cui gli Sbandieratori Ortani fondano le loro attività provengono da una copiosa documentazione che uno storico locale del 1500 ci ha lasciato nel volume "Fabbrica Ortana" e dagli Statuti Comunali del 1400 che regolano tra l'altro lo svolgimento del Palio che ha luogo la II° domenica di settembre di ogni anno.Intendiamo chiudere con le parole dell'Autore di "Fabbrica Ortana" questi brevi cenni storici sul Gruppo Sbandieratori delle Sette Contrade di Orte e sulla nostra città,perchè la frase in oggetto,nella sua estrema semplicità ha qualcosa da insegnarci: ".....Verano anche li Banderari quali stavano con il loro decoro,ma anche questi al Tempo delle Parti furono levati....."